Poesia Carità di Pierluigi Camilli



CARITÀ

Sopr’ar sagrato de la vecchia chiesa,
c’è que’lo stroppio co’ la mano tesa,
che, senza chiede gnente a nisuno,
aspetta un segno bbono da quarcuno.
La gente passa e manco ce fa caso,
perché lo stroppio, come fusse un vaso
de stacci e pelle, nun s’è mai spostato:
sta sempre su quer punto der sagrato.
Cussì, i fedele ch’entreno in preghiera,
nun fanno caso a ‘sto mucchietto d’ossa;
ma vedeno esposte in rastrelliera
le cannele pe’ pijà indurgenze:
seicento lire costa la più grossa.
. De fora er vecchio fà le penitenze!

Invia la poesia Carità di Pierluigi Camilli ad un Amico:
la tua e-mail: la sua e-mail:
21/04/2021 — 07:25:58 — ip: 3.236.228.250

Vota la poesia Carità di Pierluigi Camilli:
5 4 3 2 1

I vostri commenti alla poesia: CARITÀ

Al momento non ci sono commenti, lascia tu il primo!

Lascia un commento.

SitoFelice.it - Creazione Siti Web - Roma

© 2000 — 2022