Scienziati e poeti hanno in comune più di quanto si possa pensare

Anche se a prima vista non sembrano avere molto in comune, scienziati e poeti condividono in realtà molto. Entrambi i gruppi sono animati dal desiderio di comprendere il mondo che li circonda ed entrambi si basano molto sulla ricerca. Certo, i metodi di ricerca usati dagli scienziati sono in genere più formali e sistematici di quelli usati dai poeti, ma l'obiettivo è lo stesso: ottenere una comprensione più profonda dell'argomento in questione. Inoltre, sia gli scienziati che i poeti usano spesso il loro lavoro come mezzo per esplorare i propri pensieri e le proprie emozioni. Per gli scienziati, questo può assumere la forma di test di ipotesi, mentre i poeti possono usare metafore e similitudini per esprimere i loro sentimenti più intimi. In definitiva, sia gli scienziati che i poeti cercano di trovare verità e significato nel mondo che li circonda.

Scienza e poesia non sono sempre andate d'accordo. Il poeta inglese John Keats (che aveva anche studiato medicina) scrisse notoriamente quanto segue nel suo poema narrativo "Lamia" del 1819:

La filosofia taglierà le ali a un angelo,

Conquistare tutti i misteri con le regole e la linea

Qui Keats critica il modo in cui la filosofia naturale – il nome della scienza naturale prima della metà del XIX secolo – elimina la magia da un mondo che è più accuratamente catturato dalla poesia. Aveva ragione? Nel mio nuovo libro ho indagato il modo in cui la poesia ha influenzato la vita e le opere di scienziati pionieri. Nel farlo, ho scoperto che è necessario un approccio più interdisciplinare per comprendere il nostro mondo.

Ada Lovelace

Ada Lovelace era la figlia separata del poeta romantico Lord Byron che, poco dopo la nascita della figlia, fu esiliato in Grecia a causa di voci di incesto. La madre di Lovelace, Annabella, era determinata a far sì che la figlia non diventasse il poeta "pazzo, cattivo e pericoloso da conoscere" che era diventato suo padre. Annabella si impegnò a garantire alla figlia la migliore educazione scientifica disponibile all'inizio del XIX secolo.

Lovelace eccelleva come studentessa. All'inizio del suo percorso di studi fu introdotta al matematico inglese Charles Babbage e al suo lavoro sulla macchina analitica. I progetti di questa macchina – che non fu mai completamente costruita durante la vita di Babbage – condividono molte proprietà dei moderni computer, tra cui la stampa su carta e la capacità di tracciare grafici.

Mentre Babbage progettò e creò questo incredibile pezzo di ingegneria, fu Lovelace a vederne il vero potenziale. Nonostante le perplessità della madre, aveva continuato a scrivere poesie, riflettendo in seguito che la sua intuizione era stata resa possibile da questa ribellione.

L'Analytical Engine fu progettato da Babbage per eseguire complessi calcoli matematici, ma Lovelace teorizzò che il motore potesse essere in grado di svolgere qualsiasi compito se programmato correttamente, persino comporre musica o scrivere poesie.

Si trattava di un'intuizione sorprendente, che prefigurava la formalizzazione della macchina di calcolo universale da parte di Alan Turing quasi un secolo dopo. Dato che ogni laptop, tablet e smartphone è essenzialmente una macchina da calcolo universale, la visione originale di Lovelace sembrerà immediatamente familiare a chiunque oggi ascolti musica in streaming o scriva un documento di testo.

Humphry Davy

Humphry Davy fu un altro scienziato che fu anche un abile poeta. Scoprì gli elementi sodio e potassio (tra gli altri) e le sue poesie furono celebrate da William Wordsworth e Samuel Taylor Coleridge. In alcune delle sue prime ricerche, Davy fu incaricato di studiare i benefici medici del protossido di azoto. Si rese subito conto degli effetti euforizzanti del composto e gli diede il nome alternativo di gas esilarante nel 1800.

Davy continuò a prendere appunti dettagliati sugli effetti che il gas aveva sul suo stato mentale e fisico. Registrò alcuni di questi primi esperimenti in versi. La poesia On Breathing the Nitrous Oxide (Respirare il protossido di azoto) mostra chiaramente come la sua scrittura fosse influenzata dal gas. L'euforia che provò sperimentando il protossido di azoto non poteva essere descritta solo con la logica e la ragione scientifica. Al suo posto, la poesia divenne il metodo più accurato per documentarne gli effetti.

Davy incoraggiò i suoi amici poeti a tentare simili "esperimenti" letterari, ma con scarsi risultati. Ebbe invece molto più successo nel convincerli dei meriti della scienza. Le sue doti di poeta gli valsero il rispetto dei poeti romantici della sua epoca e furono in parte responsabili di una riconsiderazione di ciò che la scienza poteva sperare di ottenere.

Rebecca Elson

Un esempio più recente di scienziato la cui vita e ricerca sono state fortemente influenzate dalla poesia è l'astronoma canadese Rebecca Elson. Elson è stata una delle prime scienziate a utilizzare le misurazioni del telescopio spaziale Hubble per guardare indietro alle prime fasi dell'universo.

Dopo diversi anni di ritardo, il 24 aprile 1990 il telescopio spaziale Hubble è stato lanciato con successo nell'orbita terrestre, al costo di 2,5 miliardi di dollari, diventando così lo strumento scientifico più costoso mai assemblato all'epoca. Nel giro di poche settimane, il telescopio iniziò a restituire immagini di sistemi stellari lontani. Tuttavia, la qualità delle immagini era nettamente inferiore a quella prevista in origine e si scoprì che lo specchio principale era stato lucidato per ottenere una forma troppo piatta di circa 2,2 micrometri – 1/50 della larghezza di un capello umano.

Questa aberrazione significava che gli oggetti deboli e distanti che Hubble era stato progettato principalmente per osservare non potevano essere misurati con il grado di precisione richiesto dagli astronomi. Elson era tra questi e le sue continue ricerche sulla formazione delle prime galassie furono bloccate.

Nella sua poesia Aberration, Elson rivela la frustrazione di arrivare così vicino all'obiettivo desiderato e, in questo modo, esplora il concetto di fallimento, che è così critico per l'impegno scientifico. Solo attraverso la poesia la fisica Elson si è sentita in grado di esprimere la sua ambivalenza emotiva. I suoi versi soppesano la cocente delusione e la futura speranza sperimentale in un modo che non era possibile negli appunti di laboratorio o nella scrittura scientifica.

Che si tratti di gettare le basi dell'informatica moderna, di contribuire a reimmaginare il ruolo dello scienziato o di fare i conti con il fallimento, il lavoro di questi poeti-scienziati dimostra che la scienza e la poesia offrono un approccio complementare, piuttosto che antagonista, per dare un senso al mondo che ci circonda.