Come promuovere la propria poesia senza pagare un centesimo

Molti scrittori mi fanno sempre questa domanda: "Come si fa a promuovere la propria poesia senza pagare nessuno?". C'è più di una risposta a questa domanda, ma per lo più si tratta di duro lavoro. Secondo la mia esperienza, al di fuori dei concorsi a pagamento, è molto facile promuovere il proprio lavoro gratuitamente.

Ecco 8 modi che ho scoperto essere i più efficaci.

1. Presentarsi alle riviste letterarie

Non c'è modo di aggirare questo fatto. Se il vostro lavoro viene accettato da una rivista letteraria, questa promuoverà il vostro lavoro per voi. Non solo, ma potrete aggiungere il nome della loro pubblicazione alla vostra biografia d'autore. Ogni volta che si viene pubblicati da una rivista letteraria si crea un altro legame nel mondo letterario con un editore. A volte questi legami sono deboli e non si interagisce mai oltre un livello superficiale, ma altre volte portano a pubblicazioni in altre riviste letterarie e persino alla pubblicazione di chapbook o di manoscritti completi.

Se non avete idea di come iniziare a inviare i vostri lavori, abbiamo qui diversi articoli che potrebbero esservi utili, tra cui: Perché si dovrebbe inviare alle riviste letterarie, Tre consigli per inviare il proprio lavoro e Riviste cartacee contro riviste online. A breve pubblicheremo anche un libro dedicato all'invio di pubblicazioni, quindi tenetelo d'occhio.

Alcune riviste letterarie fanno pagare agli scrittori una "tassa di lettura" per la presentazione delle loro opere e questo è diventato più popolare negli ultimi due anni, ma ce ne sono migliaia che non lo fanno. Le commissioni di lettura non valgono la pena. Tutte le riviste letterarie che recensiamo hanno opzioni di invio gratuite.

2. Avere un sito web o un blog

Non è necessario pagare per avere un sito web o un blog. Pertanto, se siete scrittori che vogliono far conoscere il proprio lavoro, non avete scuse per non averne uno. Io ho un sito web professionale che rimanda a tutte le mie pubblicazioni, contiene una lunga biografia e vende i miei chapbook. Ho venduto chapbook a sconosciuti a Terranova basandomi esclusivamente sull'esistenza del sito web.

Quando pubblico il mio lavoro in una rivista, il mio sito web è sempre indicato nella mia biografia. Quando il mio lavoro viene pubblicato in una rivista, il mio sito web contiene sempre un link a quella rivista. Questo ciclo di promozione è molto utile.

Ho anche un blog che aggiorno sporadicamente. Non pubblico poesie sul mio blog, ma conosco molti poeti che lo fanno.

3. Utilizzare Facebook

Molti scrittori hanno una pagina autori su Facebook. Nella comunità di poesia a cui appartengo, questo non è visto di buon occhio. Invece la maggior parte dei poeti che conosco aggiungono qualsiasi altro poeta su Facebook, ma filtrano i contenuti che vedono. Così questi amici poeti che non conoscete non vedono nulla di personale a causa delle impostazioni sulla privacy.

Non lo faccio, ma ho comunque più di 400 amici, quindi ogni volta che ho una pubblicazione pubblico un link su Facebook e generalmente questo link viene condiviso da altre persone e la mia poesia viene letta dai miei amici di Facebook, da quelli interessati alla poesia e da alcuni che sono solo curiosi.

4. Unirsi a una comunità di poesia

Far parte di una comunità di poesia è una cosa fantastica. Avete amici con cui parlare di poesia. Potrete promuovere il loro lavoro e loro promuoveranno il vostro. È una cosa meravigliosa. Potete parlare tra di voi di opportunità di borse di studio e di pubblicazione.

Trovare una comunità di poesia può essere difficile, ma un buon punto di partenza è frequentare un corso di scrittura poetica presso una libreria locale o un community college. Si possono anche incontrare persone partecipando a letture di poesia e ad altri eventi letterari. Siate coraggiosi, fatevi degli amici e create una rete di contatti.

5. Andare ai microfoni aperti

Gli Open Mics sono eventi in cui le persone della comunità si riuniscono e leggono le loro opere. Può trattarsi esclusivamente di poesia, ma anche di narrativa breve e persino di musica. Iniziate a partecipare e poi a leggere a un open mike. Suggerisco di parteciparvi almeno una volta prima di leggere. Ogni open mic tende ad avere una propria folla di frequentatori abituali ed è bene conoscerli prima di leggere la prima volta.

Spesso agli open mics avrete l'opportunità di vendere libri o copie delle vostre poesie, quindi se avete pubblicato qualcosa, portatene una copia.

6. Unirsi a una comunità di poesia online

Se siete molto timidi di persona, vivete in campagna o volete semplicemente espandere la vostra attuale comunità di poesia, un ottimo modo per farlo è unirsi a una comunità online.

La maggior parte di queste comunità si basa su forum. Una delle più grandi è SheWrites, per scrittrici di tutti i generi. Ma ce ne sono molte altre. Cercate forum di scrittura e feedback su Google e analizzatene alcuni, cercando di trovarne uno che faccia al caso vostro. In molti di essi è possibile pubblicare la propria poesia e ricevere un feedback di editing. Potete anche dare un feedback agli altri. Dare un buon feedback è un ottimo modo per entrare a far parte di una comunità.

Anche su Facebook ci sono numerose comunità poetiche attive. Cercate tra i gruppi di Facebook per trovarne uno che possa fare al caso vostro. Spesso l'adesione a una comunità di Facebook porta ad altre. Alcuni dei migliori gruppi di scrittura su Facebook sono gruppi segreti ad invito, ma spesso l'adesione a uno di quelli pubblici e l'essere attivi in esso, porta spesso ai gruppi privati.

7. Avviare un gruppo di scrittura

I gruppi di scrittura sono importanti e ne ho già parlato nell'articolo Come trovare un gruppo di scrittura. Personalmente, il mio gruppo di scrittura è un meraviglioso circolo di sostegno e promozione. Tutti sono a disposizione degli altri scrittori del gruppo. Molti dei miei lavori sono stati pubblicati grazie ai consigli del gruppo.

Dato che i membri del mio gruppo di scrittura sono diventati redattori di riviste letterarie e si alternano regolarmente nelle posizioni di guest editor, ogni anno ricevo da loro un certo numero di richieste di invio di lavori. Quando il vostro lavoro viene sollecitato direttamente, viene quasi sempre accettato.

8.  Iscriversi a Tumblr (o a Twitter, o . . . )

Facebook non è più l'unico grande sito di social media. Ce ne sono altri e ognuno ha una personalità diversa in termini di poesia. Magari cercatene qualcuno per capire quali potrebbero fare al caso vostro. Io ne tratterò solo due, ma ce ne sono molti altri.

Tumblr (un sito di micro blogging) ha un'enorme comunità di poeti e una comunità di supporto. Le persone pubblicano i propri lavori su Tumblr e condividono quelli degli amici. Tuttavia, è importante notare due cose. La prima è che Tumblr si rivolge a un pubblico più giovane e la maggior parte dei poeti sono giovani e interessati alla parola parlata. Se questa è la vostra area di interesse, dovreste assolutamente iscrivervi a Tumblr. Lang Leav è diventato un poeta di successo anche grazie a Tumblr.

Molti poeti usano Twitter per comunicare parti delle loro poesie, una riga qui, una riga là. Poiché non si possono usare più di 140 caratteri alla volta, Twitter costringe a essere creativi. Inoltre, molti poeti di Twitter hanno inventato modi ingegnosi di usare gli hashtag per comunicare le idee.

Anche su Instagram c'è un numero crescente di poeti popolari. Spesso pubblicano le loro poesie o estratti di poesie come meme.